Non solo lasagna tradizionale, romagnola, di carne, o alla napoletana con le polpette. Una rivisitazione sempre più presente in cucina è la lasagna di mare, un primo piatto davvero raffinato che lascia i commensali a bocca aperta. La ricetta che propongo qui è fatta con capesante, polpa di granchio, pomodori e pesto. Il gusto è davvero da capogiro e l’effetto sorpresa è assicurato! Prima di raccontarvi come ho scoperto e amato questo piatto, mi presento: sono Omar Gamberini, chef per passione, o meglio “chef dilettante”, come preferisco definirmi, visto che sono sempre aperto al confronto con i miei commensali. Con la cucina di pesce è stato amore a prima vista, e con il tempo, oltre a riproporre le ricette di pesce tradizionali, ho deciso di sperimentare alcune ricette che ormai portano la firma di Omar Gamberini (Omar Gamberini è anche blogger, ho pubblicato un libro contenente alcune mie ricette più famose!). Per la ricetta della pasta all’uovo, e della lasagna tradizionale, rimando a un altro appuntamento qui sul mio blog. Ora voglio concentrarmi sul ripieno e sulla farcitura di questo primo piatto davvero unico, da proporre, perché no, per fare la differenza in occasione della classica cena della vigilia di Natale o semplicemente per una ricorrenza da ricordare.

Partiamo dalle capesante, molluschi delicati e molto pregiati. Le capesante fresche vanno sciacquate in acqua fredda per far aprire le valve. La noce e il corallo vanno, poi, staccati con delicatezza con un coltellino e a loro volta lavati. Per il granchio, invece, è necessario fornirsi della polpa. A questo punto si può cominciare: la sfoglia va lessata in acqua salata con un filo di extravergine. Per scolarla utilizzare un mestolo forato e asciugare, poi, le singole sfoglie su un telo. Prendere i pomodori pelati tagliati a cubetti e unirli al pesto. Nel frattempo scaldare l’olio in un tegame a fuoco lento e unire le capesante che vanno lasciate per non più di due minuti. Nello stesso tegame versare del vino bianco e farne la riduzione di un terzo. Successivamente unire panna da cucina e prezzemolo tritato, portare a bollore e unire ancora farina setacciata. Una volta che la salsa ha raggiunto la densità giusta, aggiungere le capesante, la polpa di granchio, sale e pepe. A questo punto in una pirofila iniziare la preparazione con uno strato di pasta, seguito dal composto e dal pesto, continuare sempre in questo ordine fino all’ultimo strato. Per la cottura consiglio non più di 15 minuti, in forno. Il risultato e il figurone sono assicurati!!!