Una piccola scheggiatura sul parabrezza è più pericolosa di quanto si possa pensare. È bene indagare su quali sono le cause principali e come mai non è possibile continuare a guidare in queste condizioni che sono più precarie di quanto si possa pensare.

Parabrezza scheggiato: quali sono le principali cause

Un piccolo sassolino contundente che viene tirato su dalla strada dalle ruote degli altri veicoli, può colpire il parabrezza e scheggiarlo.

Dopo che si è formata una prima crepa, il parabrezza si infrange ancora di più per colpa di una brusca frenata, di un mini tamponamento, di una buca o di un dossi per rallentare preso a velocità eccessiva. Anche la temperatura gioca un ruolo in tutto ciò. Ad esempio, se fuori fa molto freddo, è facile che il parabrezza si frantumi per colpa della crepa. Anche lo shock termico tra dentro e fuori, può portare alla progressione della crepa. In questo caso, con il parabrezza completamente compromesso, non resta altro che chiamare un valido servizio di carroattrezzi Roma che mette a disposizione il solo mezzo capace di rimorchiare un veicolo in tutta sicurezza.

Purtroppo, è bene dire fin da subito dicendo che il parabrezza si può scheggiare del tutto anche per motivi fuori dal nostro controllo. Infatti, una volta che il cristallo è scheggiato, anche di pochissimo, la crepa continua a proseguire anche da sola fino a romperlo del tutto costringendo a chiamare il prima possibile un carroattrezzi Roma che fornisce i soccorsi stradali.

Parabrezza crepato: perché non si può continuare a guidare così

Dopo aver indagato sulle cause che crepano il parabrezza e fanno ingrandire la crepa, è bene ricordare che non è mai e poi mai possibile guidare con il parabrezza crepato. Anche se la scheggiatura è piccola, rischia di compromettere la visibilità e impedire di avere la visuale completa della strada. Potrebbe sembrare una cosa da poco ma si tratta di mettere in pericolo sé stessi, i passeggeri e tutte le altre persone presenti sulla strada come automobilisti, pedoni, ciclisti, motociclisti etc. Infine, è sconsigliato farlo perché si rischia una sanzione pecuniaria, ovvero una multa.