A chiunque sarà capitato almeno una volta nel corso della vita di notare che l’acqua fa fatica a scendere nello scarico. La colpa è di un deposito di sporco che si è formato nella tubatura per colpa di residui vari che però possono essere evitati con le giuste attenzioni.

1.     Usare un filtro copripiletta

Per evitare che lo scarico del lavello in cucina si intasi e si ostruisca. È necessario usare un filtro copripiletta. Ormai sono abbastanza diffusi questi filtri da sistemare all’imboccatura del lavandino in grado di bloccare tutta la sporcizia prima che fisica giù. Se nel lavandino vanno a finire parti come gusci d’uovo, farina, fondi di caffè, piccoli pezzetti etc. Non passa molto tempo prima che si formi un tappo di sporco che impedisce all’acqua di scendere come dovrebbe. Se ormai dovesse essersi forato un blocco, l’unica cosa che resta da fare è richiedere un valido servizio di autospurgo che riporta la situazione alla normalità in men che non si dica. Per avere subito ulteriori dettagli, fai click su www.artidraulicaroma.com

2.     Anche per la doccia o la vasca da bagno

Lo stesso vale consigli si può applicare per la doccia e la vasca da bagno che spesso si intasano e bloccano. Un filtro che blocchi soprattutto i capelli, è doveroso altrimenti lo scarico si blocca impedendo all’acqua di defluire via come dovrebbe. Chi spesso è alle prese con sturalavandino e prodotti disgorganti a base di candeggina per colpa degli scarichi lenti, dovrebbe iniziare a prevenire il problema usando un filtro anche per la doccia e la vasca da bagno. A far bene, andrebbero tolti e puliti più o meno dopo ogni uso.

3.     Sistemare un cestino in bagno

Onde evitare la tentazione di usare lo scarico del wc come se fosse un cestino, occorre sistemare un piccolo cestino in bagno. Avendolo a portata di mano è meno probabile che si gettino oggetti estranei come filo interdentale, dischetti per il make up, assorbenti, batuffoli di cotone, pannolini, etc. nello scarico che quindi resta più pulito e libero dalla sporcizia.